‘No alle mascherine fai da te’. Il monito dell'esperto

‘No alle  mascherine fai da te’. Il monito dell'esperto

“Servono materiali idonei, il 50% non passa i controlli”, avverte Francesco Saverio Violante, direttore della Medicina del lavoro del policlinico Sant’Orsola di Bologna e responsabile dei laboratori che validano i dispositivi

Attenzione alle mascherine “fai da te” perché non servono. Dunque le sciarpe o i foulard tradizionali di cotone o di lino non proteggono dal coronavirus: parola di Francesco Saverio Violante direttore della Medicina del lavoro del policlinico Sant’Orsola di Bologna, docente all’Alma Mater, e responsabile dei laboratori che, attraverso test mirati, validano le nuove mascherine chirurgiche prodotte da aziende riconvertite alla produzione dei dispositivi di protezione personale per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19.

Se il ‘prototipo’ avrà ottenuto il via libera, l’azienda farà richiesta all’Istituto superiore di sanità per poter commercializzare il prodotto. L’esperto, interpellato dall’AGI, giudica “razionale” il provvedimento della Lombardia sull’obbligo dell’utilizzo delle mascherine per tutti i cittadini soprattutto nelle situazioni che non permettono di rispettare la prima delle precauzioni: il distanziamento sociale. 

Articolo pubblicato da “AGI“, continua a leggerlo sul sito del giornale