"L'app Immuni sarà solo volontaria. Chi non la userà non sarà discriminato"

"L'app Immuni sarà solo volontaria. Chi non la userà non sarà discriminato"

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Senato chiarisce alcuni dubbi emersi sull’obbligatorietà o meno dell’app Immuni.

​”L’app per il tracciamento dei contagi sarà solo volontaria e non ci saranno pregiudizi per chi non vorrà scaricarla”. Lo ha detto in aula al Senato il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, provando a chiarire alcuni dubbi sull’obbligo o meno dell’utilizzo di Immuni, l’applicazione scelta dal governo come misura di contenimento dei contagi da coronavirus: “Il tracciamento – ha spiegato – è necessario per evitare la diffusione del virus. Ma il suo utilizzo sarà su base volontaria e non ci aranno limitazioni per chi non la scarica”. 

In mattinata il commissario straordinario all’emergenza Domenico Arcuri aveva detto in conferenza stampa che senza tutte le misure per il tracciamento dei contagi, compresa la app, non sarebbe stato possibile allentare le misure di contenimento: “Stiamo attrezzando una batteria di strumenti per accompagnare questo possibile alleggerimento. Uno è il contact tracing. Alleggerire le misure di contenimento significa essere in condizione di mappare tempestivamente i contatti. L’alternativa è semplice: le misure non possono essere alleggerite e dovremo continuare a sopportare i sacrifici di queste settimane”.

Articolo pubblicato da “AGI“, continua a leggerlo sul sito del giornale