Basta con il doppio tampone negativo

Basta con il doppio tampone negativo

Il criterio del doppio tampone negativo per poter dichiarare guarito un malato di COVID-19 in Italia deve cambiare. Troppe persone attendono mesi in una inutile quarantena, e abbiamo prova che il timore di venire isolati così a lungo sia un pericoloso disincentivo alla segnalazione dei propri sintomi per chi si ammala ora.

Lo diciamo da tempo, ma è arrivato il momento per pretendere che anche il nostro Paese adotti una regola più ragionevole.


DI COSA STIAMO PARLANDO

In Italia il Paziente affetto da COVID-19, che sia stato sintomatico o no, resta a tutt’oggi ufficialmente malato, e considerato contagioso, finché per due volte consecutive l’analisi del tampone nasofaringeo non dia esito negativo. Questo criterio, che inizialmente era stato dettato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è stato poi cambiato progressivamente in tutti i Paesi, e infine dall’OMS stessa, in base alla crescente e consolidata evidenza scientifica, secondo la quale il periodo di contagiosità si limita in realtà ai primi giorni, e che la prolungata positività del tampone identifica solo tracce di materiale genetico virale, non virus integro, attivo, in replicazione, capace cioè di trasmettere l’infezione.

A distanza di sei mesi, possiamo ormai dirci del tutto consapevoli di quanto avviene nel soggetto infettato da SARS-CoV-2, almeno per quanto attiene il rischio di contagio, che inizia circa 48 ore prima della comparsa di sintomi, è massimo nei primi giorni, e poi cala rapidamente, per annullarsi entro dieci giorni. Appare d’altronde sempre più evidente che la positività della analisi PCR del tampone resti frequentemente positiva per molte settimane, fino a oltre 4 mesi dalla malattia.

Come ha dichiarato pochi giorni fa anche il CDC statunitense, per i pazienti con malattia lieve o moderata, il virus attivo e in replicazione non si isola più oltre 10 giorni dall’insorgenza dei sintomi. Questo vale anche nell’88% dei casi di malattia severa, complicata da immunodepressione, in cui si segnalano rari casi di isolamento virale oltre quella soglia, ma comunque non oltre i 20 giorni.

Ampi studi epidemiologici hanno confermato i rilievi microbiologici: la persistente positività al tampone dopo la guarigione clinica non è correlata ad alcuna trasmissione del virus. Si verifica semmai frequentemente che la negatività sia seguita da nuova positività, per via della alta sensibilità della reazione PCR al materiale genetico virale residuo presente nelle mucose del paziente, e della disomogeneità di prelievo del tampone. Ma in nessun caso di ripositivizzazione è stata trovata evidenza di infezione attiva, né di contagiosità.

Riporto in fondo all’articolo una lunga serie di riferimenti scientifici, per chi volesse approfondire.

 

PERCHE’ CAMBIARE I CRITERI

Quando oltre un mese fa l’OMS ha ufficialmente ridotto a 10 giorni il periodo di malattia per COVID-19 (più tre giorni senza sintomi, nel caso ve ne fossero), i più importanti Paesi d’Europa avevano già adottato analoghi criteri clinici per dichiarare guarito il paziente, abbandonando l’uso del tampone di controllo. La ragione, del tutto evidente, è che mantenere in isolamento forzato un paziente non più contagioso non è di alcuna utilità, né per il paziente (che anzi si gioverebbe di tornare attivo), né per la collettività, che ha bisogno di riprendere le attività lavorative e non si può permettere di rinunciare, senza alcuna plausibile motivazione, al contributo di migliaia di persone. In Italia, nonostante il contagio sia ormai ridottissimo, più di 12.000 persone sono ancora ufficialmente malate, malgrado la stragrande maggioranza di queste abbia abbondantemente superato la malattia.

Più passa il tempo, e più vediamo casi di positività al tampone che richiedono mesi per risolversi. Pazienti di tutte le età, inclusi bambini, segregati per un principio di “massima cautela” che non trova più alcun sostegno nelle evidenze scientifiche, e che oltretutto alimenta complottismi di ogni genere su una presunta “strategia del terrore”, o sulla malcelata volontà di mantenere elevato il numero dei positivi per confermare la necessità dello stato di emergenza.

Noi non vogliamo soffiare su questo fuoco. Siamo preoccupati per altre conseguenze di questa ostinazione. Non solo per i guariti che non vengono dichiarati tali, ma per il numero enorme di persone che, senza tanti giri di parole, ammettono di non voler utilizzare l’app di tracciamento per il timore di finire in isolamento per mesi, o che, per la stessa ragione, non accettano di sottoporsi al test sierologico della Croce Rossa.

Sappiamo di persone che non segnalano i propri sintomi, preferendo far finta di nulla piuttosto che venire esclusi dal mondo, e specialmente dal lavoro, per un periodo imprevedibilmente lungo. Sono comportamenti sconsiderati e pericolosi, ma che non si possono più ignorare, per il bene di tutti. Adottare un criterio più ragionevole, oltre che scientificamente consolidato, aiuterebbe senz’altro a ridurre questi casi, che rischiano altrimenti, in un’epidemia fatta per la stragrande maggioranza di pazienti asintomatici, paucisintomatici o con sintomi lievi, di far lievitare il numero di focolai, e di svilupparne mille altri non visti e non tracciati.

 

E c’è di più. Considerare questa malattia non come una breve, e per lo più blanda infezione, quale è, ma come un lungo stato di infettività, ci impedisce di riconoscere chi è veramente in grado di spargere il virus, e chi non lo è più. Ancora oggi si utilizzano i test sierologici per fare screening dei migranti arrivati con i barconi. E si programma di fare altrettanto con il personale scolastico in vista della riapertura di settembre. I test positivi vengono sottoposti a tampone, per poi isolare quelli positivi ad entrambi i test. Peccato che i pochi veri contagiosi sfuggano, perché negativi al test sierologico, non avendo ancora sviluppato gli anticorpi, mentre i sieropositivi abbiano già superato il periodo di contagiosità (lo sviluppo di anticorpi richiede mediamente 8-10 giorni) e sono viceversa immuni ormai, non contagiosi. Vogliamo esagerare? Attendiamo due settimane. Ma smettiamola di preoccuparci del tampone, guardiamo la malattia. Tutto avviene nei primissimi giorni, il resto del tempo non alcun effetto. Davvero vogliamo affrontare la riapertura delle scuole, e l’inverno, con l’influenza alle porte, isolando per mesi chiunque abbia il tampone positivo, cominciando da chi è immune?

 

LE RACCOMANDAZIONI

Poco cambia che si vogliano adottare i criteri dell’OMS o quelli del CDC americano, o le pratiche consolidate nel resto d’Europa. Le raccomandazioni, universalmente accettate, sono così riassumibili:

  • Per la maggior parte delle persone con malattia COVID-19, l’isolamento e le precauzioni possono essere sospesi 10 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi e la risoluzione della febbre per almeno 24 ore (senza l’uso di farmaci che riducono la febbre e con il miglioramento degli altri sintomi).
  • Per un numero limitato di persone con malattia grave (che, pur raramente, può produrre un virus in grado di replicarsi oltre i 10 giorni), può essere giustificata l’estensione della durata dell’isolamento e delle precauzioni fino a 20 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.
  • Per le persone che non sviluppano mai sintomi, l’isolamento e altre precauzioni possono essere sospesi 10 giorni dopo la data del loro primo tampone positivo.
  • I test sierologici non devono essere utilizzati per stabilire la presenza o l’assenza di infezione o reinfezione da SARS-CoV-2.

 

UN INVITO

Da mesi ci battiamo su questo tema. Vi rimando ai tanti post che abbiamo pubblicato su Facebook, su questo profilo, e sulle Pillole di Ottimismo di Guido Silvestri.

La condivisione è importante, e vi invito a spargere queste parole (non mie, ma della comunità scientifica) il più ampiamente possibile. È l’unico modo che abbiamo per far sentire la nostra voce, e per convincere chi deve prendere decisioni al nostro posto che la cautela non può essere irrazionale, ed è tempo che si adattino le regole alla realtà, e non alla paura.

Dott. Paolo Spada
Link alla mia pagina Facebook

 

 

RIFERIMENTI

Arons MM, Hatfield KM, Reddy SC, Kimball A, James A, Jacobs JR, et al. Presymptomatic SARS-CoV-2 infections and transmission in a skilled nursing facility. N Engl J Med 2020 May 28;382(22):2081-2090. doi:10.1056/NEJMoa2008457.

Bullard J, Durst K, Funk D, Strong JE, Alexander D, Garnett L et al. Predicting Infectious SARS-CoV-2 From Diagnostic Samples. Clin Infect Dis 2020 May 22.  doi: 10.1093/cid/ciaa638.

Cheng HW, Jian SW, Liu DP, Ng TC, Huang WT, Lin HH, et al. Contact Tracing Assessment of COVID-19 Transmission Dynamics in Taiwan and Risk at Different Exposure Periods Before and After Symptom Onset. JAMA Intern Med 2020 May 1; doi:10.1001/jamainternmed.2020.2020.

Centers for Disease Control and Prevention: Duration of Isolation and Precautions for Adults with COVID-19, 2020 Jul 22. Available at: https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/hcp/duration-isolation.html

Kiyuka PK, Agoti CN, Munywoki PK, Njeru R, Bett A, Otieno JR, et al. Human Coronavirus NL63 Molecular Epidemiology and Evolutionary Patterns in Rural Coastal Kenya. J Infect Dis 2018 May 5;217(11):1728-1739. doi: 10.1093/infdis/jiy098.

Korea Centers for Disease Control and Prevention. Findings from Investigation and Analysis of re-positive cases. May 19, 2020. Available at: https://www.cdc.go.kr/board/board.es?mid=a30402000000&bid=0030&act=view&list_no=367267&nPage=1external icon

Li N, Wang X, Lv T. Prolonged SARS-CoV-2 RNA Shedding: Not a Rare Phenomenon. J Med Virol 2020 Apr 29. doi: 10.1002/jmv.25952.

Liu WD, Chang SY, Wang JT, Tsai MJ, Hung CC, Hsu CL, et al. Prolonged Virus Shedding Even After Seroconversion in a Patient With COVID-19. J Infect 2020 Apr 10;S0163-4453(20)30190-0.  doi: 10.1016/j.jinf.2020.03.063

Lu J, Peng J, Xiong Q, Liu Z, Lin H, Tan X, et al. Clinical, immunological and virological characterization of COVID-19 patients that test re-positive for SARS-CoV-2 by RT-PCR. (Preprint) Medrxiv. 2020. Available at: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.06.15.20131748v1external icon  doi: https://doi.org/10.1101/2020.06.15.20131748

Midgley CM, Kujawski SA, Wong KK, Collins, JP, Epstein L, Killerby ME et al. (2020). Clinical and Virologic Characteristics of the First 12 Patients with Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) in the United States. Nat Med 2020 Jun;26(6):861-868. doi: 10.1038/s41591-020-0877-5.

Quicke K, Gallichote E, Sexton N, Young M, Janich A, Gahm G, et al. Longitudinal Surveillance for SARS-CoV-2 RNA Among Asymptomatic Staff in Five Colorado Skilled Nursing Facilities: Epidemiologic, Virologic and Sequence Analysis. (Preprint) Medrxiv. 2020. Available at: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.06.08.20125989v1external icon doi: https://doi.org/10.1101/2020.06.08.20125989external icon

van Kampen J, van de Vijver D, Fraaij P, Haagmans B, Lamers M, Okba N, et al. Shedding of infectious virus in hospitalized patients with coronavirus disease-2019 (COVID-19): duration and key determinants. (Preprint) Medrxiv. 2020. Available at: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.06.08.20125310v1external icon doi: https://doi.org/10.1101/2020.06.08.20125310

Wölfel R, Corman VM, Guggemos W, Seilmaier M, Zange S, Müller MA, et al. (2020). Virological assessment of hospitalized patients with COVID-2019. Nature 2020 May;581(7809):465-469. doi:10.1038/s41586-020-2196-x

Xiao F, Sun J, Xu Y, Li F, Huang X, Li H, et al. Infectious SARS-CoV-2 in Feces of Patient with Severe COVID-19. Emerg Infect Dis 2020;26(8):10.3201/eid2608.200681. doi:10.3201/eid2608.200681

Young BE, Ong SWX, Kalimuddin S, Low JG, Ta, SY, Loh J, et al. Epidemiologic Features and Clinical Course of Patients Infected With SARS-CoV-2 in Singapore. JAMA 2020 Mar 3;323(15):1488-1494.  doi:10.1001/jama.2020.3204

Personal communication with Young BE first author of preprint of: Young BE, Ong SW, Ng LF, Anderson DE, Chia WN, Chia PY, et al. Immunological and Viral Correlates of COVID-19 Disease Severity: A Prospective Cohort Study of the First 100 Patients in Singapore. (Preprint) SSRN. 2020. Available at: https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=3576846external icon http://dx.doi.org/10.2139/ssrn.3576846

Zou L, Ruan F, Huang M, Liang L, Huang H, Hong Z, et al. (2020). SARS-CoV-2 Viral Load in Upper Respiratory Specimens of Infected Patients. N Engl J Med, 382(12), 1177-1179. doi:10.1056/NEJMc200173